Libri che ho letto nel 2018

Questo articolo fa parte de La mia biblioteca.

Libri che ho letto nel 2018
  • Il prontuario dello scrittore di Franco Forte. Delos Books Srl, Milano, 2012. Un insieme di indicazioni e consigli per chi aspira a scrivere e pubblicare. Interessante soprattutto per chi è proprio ai primi passi nel magico mondo della scrittura e dell’editoria. Febbraio 2018.
  • Le dieci leggi del potere. Requiem per il sogno americano di Noam Chomsky. Ponte alle Grazie, Adriano Salani Editore, Milano 2017. Un breve e chiarissimo saggio deve sono riassunti, in una specie di chiara mappa concettuale, i punti di vista di Chomsky sulla situazione attuale della politica negli Usa (ma le regole del potere ivi enunciate sono le medesime vigenti il tutto il mondo, e spesso anche nelle altre epoche). Febbraio 2018.
  • Cartoline dalla fine del mondo di Paolo Roversi. Marsilio Editori Spa, Venezia, 2018. Il ritorno del giornalista hacker Enrico Radeschi. Una godibile avventura milanese, nel mondo dell’alta tecnologia. Presenterò Paolo Roversi alla Ibs+Libraccio di Firenze il 24 febbraio. Ho già avuto il piacere di presentarlo col suo Solo il tempo di morire, sulla vecchia mala milanese. Febbraio 2018.
  • Lincoln nel Bardo di George Saunders. Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano, Milano, 2017. Saunders scrive benissimo e qui si cimenta nel suo primo romanzo, anche se di struttura estremamente particolare. Una visione del mondo alla Walt Whitman e una galleria cimiteriale di personaggi che ricorda l’Antologia di Spoon River di Lee Masters; un’operazione difficilissima da realizzare in prosa senza cadere nel patetico. Ma Saunders è un grande, e riesce a tenere in piedi il suo romanzo. Il 2018 inizia con un ottimo libro. Gennaio 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *